Cerca

Puglia: assessore Bilancio, in manovra non utilizzata addizionale Irpef (2)

Economia

(Adnkronos) - L'assessore Pelillo fa notare che il tavolo di monitoraggio sull'andamento dei conti sanitari delle Regioni italiane presso il Ministero dell'Economia, ''ha preso atto che la Regione Puglia ha coperto con la manovra di previsione il disavanzo per il 2010, tuttavia ha obbligato la stessa a coprire questi ulteriori 93,6 milioni di euro''.

''Purtroppo non abbiamo nessuna possibilita' di coprire questa cifra con ulteriori risorse del bilancio autonomo - evidenzia - e, quindi, non c'era altra soluzione che azionare la leva dell'addizionale Irpef. Il Ministero ha comunque accolto, dopo una lunga trattativa, la proposta della Regione Puglia di modulare l'addizionale Irpef applicando lo 0,3% per i contribuenti con reddito fino a 28.000 euro e lo 0,5% per coloro che hanno reddito sopra i 28.000 euro. Siamo riusciti a non farci applicare passivamente lo 0,5% per tutti, cosi' come era prassi consolidata che ci veniva riproposta dal Ministero, ma ad avere una modulazione che potesse alleviare l'impatto per i redditi piu' bassi. Nonostante questa situazione, che non dipende da noi e che abbiamo subi'to con grande contrarieta', oggi la Puglia resta la Regione, dal Lazio in giu', con il minore carico fiscale''.

''Tuttavia, e' bene ricordare - conclude Pelillo - che fino ad un reddito di circa 8000 euro (no tax area, ndr) nulla sara' dovuto e che, comunque, per i redditi di lavoro dipendente e per i redditi di pensione questo aumento andra' ad incidere da gennaio 2012, per cui le buste paga e le pensioni del 2011 non saranno intaccate da questa novita'''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog