Cerca

Nucleare: Eon contro governo tedesco, chiede compensazioni (2)

Economia

(Adnkronos) - Il ceo di Eon, Johannes Teyssen, ha detto all'inizio di maggio che la societa' avrebbe deciso entro fine mese se agire legalmente contro la tassa. L'imposta avrebbe portato nelle casse dello Stato tedesco 2,3 mld di euro l'anno fino al 2016, sebbene, se gli otto impianti attualmente chiusi restassero inattivi, il gettito si ridurrebbe a 1,3 mld. La Rwe, un'altra societa' energetica, ha detto ieri che si riserva il diritto di procedere legalmente contro la norma. La compagnia ha anche contestato la moratoria sugli impianti attualmente chiusi.

Intanto, il leader in Parlamento dei Verdi, Juergen Trittin, ha contestato il piano di chiusura. "Cio' vuol dire che stiamo andando consciamente verso una situazione in cui la stabilita' della rete e la sicurezza delle forniture sono a rischio", ha detto. Lo Stato del Baden-Wuerttemberg, l'unico a guida Verde, ha chiesto la costruzione di centrali a gas per sostituire gli impianti nucleari, sostenendo che gli impianti a gas sono "altamente efficienti" e producono meno inquinanti pericolosi.

Il leader nazionale dei Verdi, Cem Oezdemir, ha detto che il sostegno del suo partito alle leggi dipende dai miglioramenti delle stesse. Il cancelliere Angela Merkel, che ha sottolineato la volonta' di ottenere un supporto trasversale ai piani del governo, si incontrera' con i capi dei Laender venerdi'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog