Cerca

Pakistan, commissione d'inchiesta sull'omicidio del giornalista Aki

Esteri

Islamabad, 1 giu. (Adnkronos/Aki) - E' una ''commissione di inchiesta congiunta'' quella creata dal governo pakistano di Raza Yousuf Gilani per verificare le circostanze della morte di Syed Saleem Shahzad, il corrispondente di AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL trovato morto a ieri a 150 da Islamabad. Come apprende AKI, tutti i servizi di intelligence e di sicurezza pakistani saranno coinvolti nell'indagine.

Il ministro pakistano dell'Interno, Rehman Malik, ne ha dato personalmente notizia alla famiglia del giornalista, che ha visitato nella notte. La richiesta di un'indagine urgente sulla morte di Shahzad, per la quale non ci sono ancora rivendicazioni, è arrivata ieri dal premier Raza Yousuf Gilani, il quale ha assicurato che i colpevoli saranno puniti.

Il governo, ha dichiarato Gilani, ''crede fermamente nella libertà di espressione e la considera un ingrediente essenziale per rafforzare i valori democratici''. Varie le piste che si seguono, da quella dell'estremismo religioso a quella politica. Di recente Shahzad si era occupato di infiltrazioni di al-Qaeda nei vertici militari del Paese ma ieri l'Isi, i potenti servizi di sicurezza pakistani, hanno categoricamente escluso che apparati dello Stato possano essere coinvolti nella morte del reporter.

Un ''benvenuto'' all'inchiesta ordinata da Gilani è arrivato anche dagli Stati Uniti con il Segretario di Stato, Hillary Clinton, che ha ''condannato con forza il rapimento e l'uccisione di Shahzad'', il cui ''lavoro sulle questioni di terrorismo e di intelligence in Pakistan metteva in luce i problemi che l'estremismo porta alla stabilità del Paese''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog