Cerca

Turismo: all'isola del Giglio sui sentieri dei minatori e dei cavatori

Cronaca

Firenze, 1 giu. - (Adnkronos) - La Torre e il Duomo a Pisa, il Palazzo Reale a Napoli, il Giardino Pompeiano della Reggia di Caserta, la Pieve Medievale di San Leo e la Santa Croce in Gerusalemme di Roma, il Duomo di Gaeta. Sono solo alcuni dei moltissimi esempi di monumenti realizzati con il granito dell'Isola del Giglio. La principale roccia presente nell'isola dell'Arcipelago toscano. I segreti e la storia di questa roccia, come delle oltre 80 specie di minerali presenti al Giglio saranno svelati da giovedi' 2 a sabato 4 giugno con le Giornate mineralogiche gigliesi realizzate da Pro Loco e Museo della mineralogia e della geologia dell'Isola del Giglio con il patrocinio dell'amministrazione comunale.

- I sentieri geomineralogici - Un viaggio attraverso i tre sentieri dei minatori, dei cavatori e dei cercatori sulle antiche mulattiere di oltre 200 anni fa che per le loro caratteristiche sono considerati i primi e unici in Italia in quanto uniscono la conoscenza del patrimonio geologico a quello mineralogico offrendo un'opportunita' preziosa a geologi e studiosi di comprendere la morfologia del territorio e ai turisti e semplici curiosi di imparare ad apprezzare meraviglie nascoste tra i minerali isolani tra cui una specie endemica (la schorlite-arenellite) particolarmente indicativa per comprendere la formazione stessa dell'isola. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog