Cerca

Bologna: imprenditore Mascagni si spara alla tempia, sua azienda era in crisi

Cronaca

Bologna, 1 giu. - (Adnkronos) - L'imprenditore ed ex presidente dell'Api di Bologna Paolo Mascagni si e' suicidato ieri pomeriggio, nella sua casa di via Albertazzi, sotto le Due Torri. E' stato il figlio 26enne, rientrato a casa intorno alle 17, a trovare il corpo del padre in una pozza di sangue nel bagno. Secondo le primissime ricostruzioni della Polizia, Mascagni si sarebbe sparato un colpo di pistola alla tempia. Per il momento non sono stati trovati messaggi di addio o lettere che possano spiegare il gesto.

La prima ipotesi e' che a spingere l'imprenditore 57enne a togliersi la vita possano essere stata la crisi dell'azienda di famiglia che produce mobili a Casalecchio di Reno. Circa una settimana fa Mascagni aveva firmato l'accordo per avviare il contratto di solidarieta' per gli oltre 100 dipendenti del mobilificio. La notizia della sua morte, che ha scosso la citta' dove Mascagni era molto noto, e' stata accolta con "sgomento e dolore" dall'assessore provinciale alle Attivita' produttive Graziano Prantoni.

"Ho avuto occasione di conoscerlo alcuni anni fa e ne ho ricevuto l'impressione di un uomo e di un imprenditore preparato, determinato, profondamente legato alla sua impresa ed al territorio", scrive Prantoni in un messaggio di cordoglio alla famiglia e ai lavoratori dell'azienda, ricordando che l'imprenditore "ha sempre dimostrato, anche nei recentissimi incontri istituzionali, impegno, determinazione, slancio, nel perseguire l'obiettivo di salvaguardare, pur nelle difficili condizioni di mercato, la propria impresa e garantire l'occupazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog