Cerca

Giappone, squadra di anziani 'kamikaze' per missione suicida a Fukushima

Esteri

Tokio, 1 giu. (Adnkronos/Ign) - Sono stati chiamati il "Corpo dei Suicidi", ma i 250 anziani giapponesi che si sono offerti come volontari per lavorare alla messa in sicurezza della centrale nucleare di Fukushima, rifiutano l'appellativo. Piuttosto che come una banda di kamikaze senza paura, preferiscono essere descritti come un gruppo di cittadini responsabili, consapevoli del fatto che sull'organismo di un anziano le radiazioni agiscono piu' lentamente che su quello di un giovane. Consapevoli, anche, che fu della loro generazione la scelta del nucleare in Giappone e che ora spetta a loro porre rimedio alle conseguenze.

La storia sta facendo il giro del mondo. La Cnn, tra gli altri, dedica un ampio servizio a questo "Corpo dei Veterani Qualificati", come preferiscono definirsi, tutti di eta' dai 60 anni in su, che hanno annunciato di volere entrare in azione al posto dei circa 1.000 lavoratori impegnati attualmente a Fukushima. Perche', come spiega uno dei fondatori, il 72enne ingegnere in pensione Yasuteru Yamada, "gli anziani sono meno sensibili alle radiazioni. Per questo, dobbiamo fare la nostra parte".

Goshi Hosono, consigliere speciale del primo ministro giapponese per la crisi nucleare, nel definirli appunto il "Corpo dei Suicidi", ha pero' per il momento declinato la loro offerta di aiuto. Lo stesso ha fatto la Tepco, la societa' che gestisce l'impianto, spiegando che ci sono gia' abbastanza persone impiegate nel fronteggiare la crisi.

Loro, i 250 anziani, sostenuti da almeno 900 donatori, non demordono e affermano di non avere nessuna vocazione alla morte. Kazuko Sasaki, 69 anni, una delle co-fondatrici del gruppo, spiega una delle ragioni del loro impegno: "La mia generazione e' quella che ha promosso la costruzione delle centrali nucleari. Se non ci prendiamo noi la responsabilita' di quella scelta chi lo fara'?".

La signora Sasaki analizza con pragmatismo anche i rischi connessi al lavoro nell'area contaminata di Fukushima. Un trentenne esposto alle radiazioni, spiega, puo' ammalarsi di cancro verso i 35 o 40 anni. Alla sua eta', la malattia potrebbe sorgere intorno ai 75-80 anni, "e a quell'eta' potrei comunque avere gia' sviluppato un tumore".

Nonostante i rifiuti finora ottenuti dalle autorita' e dalla Tepco, l'ingegner Yamada si dice certo che alla fine la squadra di volontari verra' chiamata in azione a Fukushima. La ragione, spiega, e' semplice: "Hanno bisogno di noi".

Intanto dall'Aiea arrivano accuse alle autorità giapponesi, colpevoli di aver "apparentemente sottostimato'' il rischio di uno tsunami nella progettazione e nella gestione delle centrali nucleari. E' questa infatti la conclusione di una commissione di 18 esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica guidati da Mike Weightman, secondo cui e' ora urgente che Tokio metta a punto un nuovo regolamento che tenga conto del rischio di tutte le catastrofi naturali e sia ''periodicamente aggiornato''. Ad anticipare il riassunto del rapporto, inviato al governo giapponese, e' l'agenzia giapponese Kyodo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog