Cerca

Nucleare: Pd Toscana, smascherato l'inganno della paura di perdere (2)

Economia

(Adnkronos) - Il Pd della Toscana, cosi' come il Partito a livello nazionale, sostiene il 'Si'' per tutti e 4 i quesiti. Per quelli sull'acqua, parallelamente ai quesiti del referendum nazionale, il Pd sostiene il rafforzamento del modello toscano con una legge regionale del settore.

''Come emerso nell'ultima segreteria regionale, siamo contrari alla privatizzazione forzata della gestione del servizio idrico con le norme fatte approvare dal governo ed in questa chiave sosteniamo i referendum. Tuttavia, per la sua natura di carattere esclusivamente abrogativo, non puo' bastare. Ed e' per questo che rilanciamo la nostra proposta di riforma complessiva - spiega Matteo Tortolini insieme a Gabriele Toti, responsabile servizi pubblici locali del Pd della Toscana -. In Toscana dobbiamo spingere per far avanzare il nostro 'modello', che ha visto perseguire una logica di intervento su ampia scala, con la costituzione di aziende a partecipazione mista pubblico privato, ispirato a criteri di efficienza e di efficacia che crediamo sia quello piu' adeguato a rafforzare la capacita' pubblica di regolazione e mantenere la proprieta' pubblica dell'acqua e degli impianti''.

''Nella nostra regione, questo sistema, anche proprio per effetto di un giusto equilibrio tra soggetti pubblici e privati, ha consentito la realizzazione di una grande mole di investimenti. Ecco perche' occorre rilanciare il modello toscano con una legge regionale del settore. E' necessario anche rilanciare la proposta di legge depositata in Parlamento che afferma la natura pubblica della risorsa acqua, l'universalita' di accesso, il diritto dei soggetti all'utilizzo della risorsa, con le infrastrutture di proprieta' demaniale e incedibili'', conclude Tortolini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog