Cerca

Milano: Sappe, aggrediti quattro poliziotti penitenziari in carcere Opera

Cronaca

Milano, 1 giu. - (Adnkronos) - Nel primo pomeriggio di ieri, nel secondo reparto della Casa di Reclusione di Milano-Opera, un detenuto di nazionalita' albanese di stazza non indifferente, durante il rientro dai passeggi, ha colpito un ispettore della Polizia Penitenziaria e tre colleghi, che sono rimasti feriti durante la colluttazione. Lo riferisce il Sappe, sindacato degli agenti di Polizia Penitenziaria. Gli agenti coinvolti, a seguito delle contusioni riportate, sono stati accompagnati al pronto soccorso dell'ospedale G. Pini di Milano e sono stati dimessi con una prognosi che varia dai 3 ai 7 giorni di riposo medico.

Per il Sappe "bisogna contrastare con fermezza questa ingiustificata violenza in danno dei rappresentati dello Stato in carcere e punire con pene esemplari chi li commette. Servono provvedimenti veramente punitivi per i detenuti che in carcere aggrediscono gli agenti e ci si riferisce alla necessita' di introdurre un efficace isolamento giudiziario ed una esclusione dalle attivita' in comune che punisca i comportamenti violenti".

"Negli ultimi mesi - prosegue il Sappe - sono numerosi gli episodi di aggressione al personale che si sono verificati non solo presso la Casa di Reclusione di Milano Opera. Nonostante cio', i nostri agenti lavorano ogni giorno, nel silenzio e tra mille difficolta' ma con professionalita', umanita', competenza e passione nel dramma delle sezioni detentive degli istituti penitenziari italiani. A questo si aggiungono numerosi episodi di tentativi di suicidio e atti di autolesionismo dei detenuti sventati dal personale di polizia. Servono fatti concreti, altrimenti il sistema implode su se stesso e a pagare sono gli operatori di polizia penitenziaria sempre e unici in prima linea".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog