Cerca

Omicidio Scazzi: da protagonista a comprimario, le contraddizioni di 'zio Michele'/Il punto (4)

Cronaca

(Adnkronos) - L'ultima versione, ribadita sostanzialmente nella versione delle interviste dei giorni scorsi dopo la scarcerazione, e' quella che ha affidato a una lettera al suo avvocato resa nota a marzo ma scritta agli inizi di febbraio.Nessuna molestia: quel giorno era nervoso, aveva un forte mal di testa, non riusciva a far partire il trattore. A un certo punto in garage entro' Sarah, forse dopo aver sentito le sue imprecazioni. In seguito ad alcune domande insistenti della giovane, non ci avrebbe visto piu' e l'avrebbe strangolata con una corda che era sul trattore. Quindi la ragazzina sarebbe caduta e avrebbe battuto la testa su un compressore.

Nei prossimi giorni verranno svolti, infatti, gli esami comparativi tra le tracce trovate su uno dei compressori e il dna di sei protagonisti di questa vicenda.

Soltanto nella versione fornita da Michele in cui l'omicidio viene compiuto unicamente da Sabrina l'arma del delitto e' costituita da una cintura, mai ritrovata, mentre nelle altre sarebbe stata usata una corda, anche questa mai individuata. Michele nelle sue varie versioni non ha mai tirato in ballo ne' la moglie Cosima, ne' il fratello Carmine, ne' il nipote Cosimo Cosma, questi ultimi ancora indagati per concorso in soppressione di cadavere. Ma ormai tutti si chiedono: sono finite le versioni di Michele Misseri?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog