Cerca

Terremoto: problemi di ansia per otto bambini aquilani su dieci

Cronaca

Roma, 3 giu. - (Adnkronos) - L'81% dei bambini e adolescenti dell'Aquila presenta disturbi d'ansia dopo il terremoto di due anni fa. Nel resto d'Abruzzo la media e' del 30%. I dati sono stati presentati oggi all'ospedale pediatrico Bambino Gesu' di Roma, in un convegno dal titolo 'Bambini e catastrofi naturali: quale salute mentale?'. Circa 1800 bambini di tutte le province abruzzesi hanno formato il campione di una ricerca che ha valutato l'impatto del sisma del 6 aprile del 2009 sui piu' piccoli.

I bambini sono stati sottoposti a visite specialistiche alla ricerca di quelle ferite profonde che il terremoto ha inferto alla loro salute. Dopo una prima selezione, del campione di bambini fra i 3 e i 14 anni, ne sono stati richiamati 320 per una valutazione neuropsichiatrica. I risultati hanno mostrato come l'eta' e, naturalmente, la prossimita' con l'epicentro abbiano influito sulla gravita' dei traumi.

"Tra i bambini di eta' compresa fra i 3 e i 5 anni, non sono state rilevate particolari differenze tra gli aquilani e i loro coetanei abruzzesi", spiega Stefano Vicari, neuropsichiatra infantile dell'ospedale romano, membro del team che ha condotto le ricerche. "Le differenze - continua - si notano, invece, confrontando i risultati dei bambini tra i 6 e i 14 anni. I disturbi d'ansia colpiscono 8 piccoli aquilani su 10 (nel resto della regione, solo 3), mentre i casi di sindrome post-traumatica da stress hanno interessato il 15,4% dei casi (contro lo 0,4 generale). (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog