Cerca

Pil: Marcegaglia, aiutare crescita con riforme che non costano

Economia

Milano, 3 giu. - (Adnkronos) - Il rigore sui conti pubblici e le riforme necessarie a stimolare la crescita economica italiana "sono due cose non in antitesi". Ad affermarlo e' la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, arrivata questa sera a Milano per incontrare il vicepresidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping, insieme ai ministri Paolo Romani e Giulio Tremonti.

Per la Marcegaglia "bisogna continuare a fare equilibrio nei conti pubblici, ma aiutare anche la crescita attraverso riforme che non costano, ma che potrebbero dare una grande capacita' di crescita al nostro sistema". La Marcegaglia aggiunge che "ridurre la spesa pubblica e avere i conti in ordine e' un elemento fondamentale. Ce lo chiedono l'Europa e i mercati finanziari. Il tema e' tenere i conti in ordine, pero' fare una serie di riforme che aiutino la crescita".

"Abbiamo parlato -continua la Marcegaglia- di liberalizzazioni, di semplificazioni e di una riforma fiscale che magari abbassi le tasse sulle imprese e sui lavoratori e che possa reperire introiti tramite la battaglia sull'evasione fiscale, o anche ragionare sulle rendite finanziarie oppure sull'Iva".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • saccard

    03 Giugno 2011 - 22:10

    Il gruppo Marcegaglia grazie alle sue holding lussemburghesi protegge il patrimonio di "famiglia" da qualsiasi tipo di imposizione sulle rendite. La Marcegaglia ha una bella faccia tosta dando la disponibilità a tassare le rendite finanziarie: non si parla certo dei patrimoni degli Agnelli o dei Marcegaglia o dei Caltagirone. Si sta parlando di tassare il risparmio degli italiani magari per ingrassare le tasche proprio di quelle aziende che danno la loro "disponibilità" fra gli applausi della casta sindacale.

    Report

    Rispondi

blog