Cerca

Governo: Berlusconi da Napolitano, pace in M.O. e successione Alfano

Politica

Roma, 3 giu. - (Adnkronos) - Il bilancio, sicuramente positivo, degli incontri internazionali collegati alle celebrazioni del 2 Giugno che hanno riunito a Roma 31 Capi di Stato e 80 delegazioni di governo, e' stato al centro, a quanto si apprende, del colloquio al Quirinale tra il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il premier Silvio Berlusconi, durato quasi un'ora, alla presenza del sottosegretario Gianni Letta. Si parla di reciproca soddisfazione per il successo dei vertici di questi giorni.

Il confronto avrebbe riguardato in particolar modo l'incontro tra il premier e il presidente dell'Autorita' nazionale palestinese, Abu Mazen, anche in considerazione del fatto che Berlusconi dovra' incontrare nei prossimi giorni anche il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. In rilievo, anche il rapporto con la Cina, rappresentata a Roma dal vicepresidente Xi Jinping.

Al di la' delle valutazioni sugli incontri che per due giorni hanno fatto della Capitale e del Quirinale un significativo momento di confronto di politica internazionale, il colloquio tra il Capo dello Stato e il premier avrebbe riguardato, secondo quanto si apprende, anche uno scambio di opinioni sulla politica interna: un "approccio interlocutorio" per quel che riguarda il successore del neosegretario del Pdl Angelino Alfano alla guida del Dicastero di Via Arenula. Nessun nome fatto esplicitamente nel corso dell'incontro, ma e' difficile immaginare che della questione non si sia parlato. Cosi' come nel colloquio sarebbe rientrata anche la verifica parlamentare di fine mese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog