Cerca

Carceri: Sappe, dolore per nuovo suicidio a Spoleto

Cronaca

Roma, 3 giu. - (Adnkronos) - ''La notizia del suicidio di un detenuto ergastolano di 53 anni nel carcere di Spoleto, intristisce tutti, specie coloro che il carcere lo vivono quotidianamente nella prima linea delle sezioni detentive, come le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria che svolgono quotidianamente il servizio con professionalita', zelo, abnegazione e soprattutto umanita'''. E' quanto dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria, in relazione al suicidio di un detenuto nel carcere di Spoleto.

''A Spoleto mancano ben 72 agenti di polizia penitenziaria (dovrebbero essere 388, ve ne sono in forza 316) mentre i detenuti sono costantemente oltre la capienza regolamentare: 680 i presenti a fronte di 450 posti letto regolamentari sottolinea Capece - E gli eventi critici in carcere sono notevoli: nel 2010 a Spoleto si sono contati 65 episodi di autolesionismo e 6 tentativi di suicidio sventati dal tempestivo intervento dei nostri agenti, la morte per suicidio di un detenuto e 65 sono stati i soggetti che hanno posto in essere ferimenti: 62 anche i detenuti che hanno protestato con sciopero della fame''.

''Da questi dati emerge una volta di piu' quali e quanti sacrifici affrontano ogni giorno le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria di Spoleto per garantire vigilanza e sicurezza all'interno e all'esterno degli Istituti di pena partecipando nel contempo alle attivita' di osservazione e di trattamento rieducativo dei detenuti. Rinnoviamo dunque il nostro appello ai vertici del ministero della Giustizia e del Dap - conclude il sindacalista - affinche' si intervenga concretamente sulle criticita' penitenziarie, anche incrementando concretamente gli organici dei Baschi Azzurri in servizio a Spoleto''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog