Cerca

Genova: avvocato Bonanni, per don Seppia contestazioni ridimensionate (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Per quanto riguarda la violenza sessuale sul chierichetto, don Seppia ha dichiarato di avere messo una mano sulla gamba e un braccio intorno alle spalle del ragazzo, come manifestazione di affetto e non di interesse sessuale.

"L'induzione alla prostituzione minorile -spiega l'avvocato- e' venuta meno perche' si e' poi verificato che il soggetto era maggiorenne. E' stato aggiunto il capo di imputazione relativo alla tentata induzione alla prostituzione di un altro soggetto di 17 anni di eta', per il quale pero' l'indagato ha fornito un sufficiente chiarimento affermando di avere desistito dall'azione, di essersi interrotto per timore, per vergogna, per un moto di resipiscenza".

In una delle comunicazioni indirizzate al seminarista Alfano don Seppia, in effetti, dichiara di avere rinunciato al rapporto con il minore per paura. "Don Seppia -ha precisato il suo legale- ha smentito categoricamente di avere offerto sostanze stupefacenti a terzi in quanto non ne disponeva al momento. Si parlava di stupefacenti in messaggi che inviava a vari soggetti contenenti deliri suoi personali e frasi del tipo 'ti piace la coca?' che pero' non avevano alcuna aderenza con la realta'". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog