Cerca

Tumori: apre primo hospice in Abruzzo per malati terminali a Lanciano

Cronaca

Roma, 4 giu. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Una villa immersa in un parco di 4 mila metri quadrati, con 10 stanze singole dotate di bagno interno, tv e frigo, due mini appartamenti, arredi e complementi di colore diverso in ciascun ambiente, cura dei dettagli e del comfort. Si presenta cosi' l'hospice Albachiara di Lanciano, primo centro in Abruzzo dedicato alle cure di fine vita, inaugurato oggi dal presidente della Giunta regionale Gianni Chiodi e dall'arcivescovo di Lanciano Emidio Cipollone.

L'hospice, pronto ad accogliere i malati gia' da lunedi', si avvale di un'e'quipe multidisciplinare costituita da 7 infermieri, 5 operatori socio-sanitari, 2 medici e uno psicologo, con a capo Pierpaolo Carinci, nominato responsabile della struttura, mentre il coordinamento infermieristico e' stato affidato a Cristina Di Toro. Personale tutto interno alla Asl Lanciano Vasto Chieti, che ha scelto la strada della gestione diretta, evitando il ricorso ad affidamenti esterni.

"L'hospice di Lanciano ci permette di recuperare un gap nei livelli essenziali di assistenza che poneva l'Abruzzo in una condizione di grave ritardo - ha evidenziato Chiodi - ed e' un esempio di come il servizio pubblico possa fare sanita' di qualita' tenendo sotto controllo i costi". La struttura, 1.800 quadrati di superficie divisi su due piani, e' stato realizzato nell'edificio che un tempo ospitava la casa di riposo Ipab, sottoposta a un impegnativo lavoro di ristrutturazione, durato oltre due anni, che ha richiesto in un investimento di circa 1 milione di euro, a cui vanno ad aggiungersi altri 200 mila euro per gli arredi e la sistemazione del giardino. La spesa e' stata coperta in parte con fondi regionali per 465 mila euro, mentre e' stata la stessa Asl a farsi carico della parte restante con fondi in conto capitale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog