Cerca

Consulta: Quaranta, no a inopportune interferenze esterne

Politica

Roma, 6 giu. - (Adnkronos) - Il neo presidente della Corte Costituzionale Alfonso Quaranta ritiene "inopportune le interferenze esterne sull'autonomia di Palazzo della Consulta". Lo dichiara subito, nella conferenza stampa tenuta pochi minuti dopo la sua elezione con dieci voti a favore, tre schede bianche e un giudice assente per malattia. "Questa votazione -sottolinea- fa giustizia su qualunque illazione relativa alla presunta politicizzazione della Corte Costituzionale, che spero cessi, essendo stato superato oramai ogni dubbio al riguardo".

Tiene a precisare Quaranta: "La Corte Costituzionale agisce nell'ambito della sua piena autonomia", nonostante il fatto che "dall'esterno, possa talvolta accadere che ci siano pressioni, che io giudico assolutamente inopportune". Il riferimento e' anche a "quanto si legge talora sulla stampa circa la scelta di un presidente rispetto ad un altro: ribadisco che giudico queste interferenze una inopportunita'". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog