Cerca

Prato: nel piano regionale di sviluppo misure mirate per superare crisi (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Dagli interventi delle istituzioni e delle categorie economiche e sociali pratesi sono emerse la difficolta' del distretto a far fronte alla concorrenza cinese, ma anche quella di affrontare il ricambio generazionale all'interno delle imprese pratesi. Tra le richieste avanzate, invece, quella di rendere piu' agevole l'accesso al credito per le piccole e medie imprese, rafforzare la rete infrastrutturale, considerata carente anche all'interno dell'area metropolitana Firenze-Prato-Pistoia, e investire in ricerca e innovazione per creare i presupposti per superare la concorrenza.

Secondo il consigliere Giuseppe Del Carlo (Udc), ''preso atto che quella di Prato e' una crisi particolare per il suo tessuto produttivo quasi esclusivamente vocato al tessile, occorre una terapia d'urto piu' forte che altrove. Serve un progetto speciale, indispensabile sia per ridare slancio al tessile sia per dare slancio alla diversificazione del tessuto produttivo''.

''Anche questo incontro ha confermato quanto sia importante tenere in stretto collegamento i territori e la Regione'', ha dichiarato Marina Staccioli (Lega nord), vicepresidente della commissione Emergenza occupazionale, che ha criticato l'accordo del presidente della Regione Enrico Rossi con il ministero cinese per creare a Prato un centro per la ricerca e l'innovazione tecnologica. ''Il polo tecnologico per il tessile si faccia, ma va fatto per Prato e non per esportare i risultati in un Paese che crea concorrenza sleale''. Staccioli si e' anche detta soddisfatta che il Prs abbia in parte recepito alcune proposte relative all'occupazione e ai finanziamenti all'impresa che la Lega nord aveva presentato in una sua proposta di legge. ''Speriamo, con altri emendamenti al Prs, di essere utili ai territori toscani e a quello pratese in particolare''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog