Cerca

Carceri: Osapp, a Torino venti detenuti dormono in terra nella palestra

Cronaca

Roma, 6 giu. - (Adnkronos) - "Nel carcere di Torino, dopo i tre suicidi in un mese, venti detenuti tornano a dormire per terra nella palestra dell'istituto, mentre il personale di polizia penitenziaria deve assistere impotente": e' quanto denuncia Leo Beneduci, segretario generale dell'Osapp, organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria.

"Sul piatto della bilancia - sottolinea il sindacalista - non pesa solo che l'istituto penitenziario torinese contenga 1.560 detenuti invece del massimo di 1.023 previsti mentre, in penuria di fondi per i servizi di missione, gli 'sfoltimenti' verso altre sedi sono diventati assai rar, e che di poliziotti in servizio ce ne siano 600 invece che 900; ma pesa anche il fatto che sono ripresi gli accompagnamenti in carcere degli arrestati in attesa delle udienze di convalida, ovvero il cosiddetto 'effetto porta girevole' e con detenzioni improprie, che nel massimo durano 48 ore e che il ministro Alfano diceva di avere scongiurato definitivamente".

Per Beneduci, "tali condizioni, che come a Torino rischiano di verificarsi anche in altre sedi sul territorio nazionale, hanno come comune denominatore l'assenza della politica dal carcere e come risultato il danno permanente alla dignita' dell'uomo, sia esso detenuto o poliziotto, per cui il nostro appello e' nuovamente rivolto alle forze sane e sensibili del Paese, per la realizzazione di un cambiamento sostanziale nell'attuale sistema penitenziario e nella organizzazione e considerazione del Corpo di polizia penitenziaria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog