Cerca

'Annozero' fuori dal palinsesto Rai Santoro potrebbe passare a La7

Spettacolo

Roma, 6 giu. (Adnkronos) - Finisce il rapporto di lavoro tra Michele Santoro e la Rai. 'Annozero' non è nel palinsesto autunnale definitivo di Raidue che il dg Lorenza Lei e il vicedg Antonio Marano hanno presentato al Cda. E' stata però annullata la conferenza stampa inizialmente fissata per martedì mattina. A quanto apprende l'ADNKRONOS, infatti, dopo l'accordo che porterà all'uscita del giornalista dall'azienda, viale Mazzini non voleva che il conduttore di Annozero tenesse la sua conferenza nei locali della Rai, tanto più insieme al direttore di Raidue Massimo Liofredi, che si preparava probabilmente a esaltare il bilancio di una stagione record per il programma. Santoro a questo punto sarebbe in cerca di una location alternativa in cui tenere una conferenza stampa 'indipendente' martedì pomeriggio.

Il conduttore, a quanto apprende l'Adnkronos, potrebbe passare a La7. Starebbe trattando con la rete di Telecom Italia una prima serata e due seconde serate. La Rai, tra l'altro, non avrebbe chiesto nessun patto di non concorrenza per due anni al giornalista.

In una nota di Viale Mazzini si legge che la Rai e Santoro hanno ''convenuto di risolvere il rapporto di lavoro'' e hanno ''inteso definire transattivamente il complesso contenzioso - da troppo tempo pendente - altrimenti demandato alla sede giudiziaria''.

''Si è ritenuto infatti - prosegue la nota - di far cessare gli effetti della sentenza del Tribunale di Roma, confermata in appello, in materia di modalità di impiego di Michele Santoro, recuperando così la piena reciproca autonomia decisionale. A tal fine le Parti - conclude la nota - hanno altresì convenuto di risolvere il rapporto di lavoro, riservandosi di valutare in futuro altre e diverse forme di collaborazione''.

Nel corso della presentazione del Tg di La7 delle 20 il direttore, Enrico Mentana a proposito del destino televisivo del giornalista ha detto: "Adesso spetta a Santoro prendere la decisione definitiva''. ''Ci sono stati numerosi incontri, ma com'è ovvio Santoro doveva prima decidere cosa fare con la Rai. Noi, lo abbiamo già detto, lo accoglieremmo a braccia aperte''.

Per il presidente della Rai, Paolo Garimberti ognuno è artefice del proprio destino. ''Spiace sempre perdere un professionista come Michele Santoro - dice - ma, come ebbi modo di dire un anno fa quando già si polemizzava su un suo possibile addio alla Rai, ho profondo rispetto per il diritto di ciascuno di essere artefice del proprio destino''. "Qualche giorno fa -prosegue- sono stato informato dal Direttore Generale e da Michele Santoro che erano in corso riservatissimi contatti tra le parti per trovare una soluzione consensuale al complesso contenzioso tra Rai e il giornalista, contatti che sono evidentemente proseguiti e del cui esito ho saputo oggi''.

Marco Travaglio commenta così, parlando con l'ADNKRONOS, la conclusione del rapporto di lavoro tra Santoro e l'azienda pubblica: "Finalmente la Rai ha coronato il suo sogno: hanno distrutto la trasmissione più vista e redditizia dell'approfondimento giornalistico del servizio pubblico. Complimenti a chi ci è riuscito e complimenti a chi ha ordinato tutto ciò". "Sono riusciti - continua - ad affondare l'ammiraglia della loro flotta. Si sono sparati sui piedi, sport in cui eccellono da 15 anni a questa parte. Sono dei geni a farsi del male. Ogni colpo che danno alla Rai è qualche milioncino che entra nelle casse di Mediaset, è ovvio''. ''Per quanto mi riguarda - ha aggiunto Travaglio -, io non ho ancora parlato con nessuno e non sono in trattative".

Secondo Lucia Annunziata ''è uno sbaglio mandare via Santoro dalla Rai. Uno sbaglio editoriale e industriale. Che indebolisce la Rai''. ''Credo che i giornalisti in azienda e i conduttori in particolare -continua - debbano dimostrare il proprio dissenso da quella che appare come una vera e propria espulsione su base politica che offende anche chi rimane in Rai. D'accordo o meno che si sia con Santoro il suo caso è divenuto il metro di misura dell'indipendenza aziendale''.

Il segretario dell'Usigrai, il sindacato dei giornalisti della Rai, Carlo Verna, chiede di ''sapere il perché di un divorzio, che di sicuro penalizza notevolmente l'offerta Rai''. Mentre il consigliere d'amministrazione Antonio Verro si dice ''molto preoccupato'' perché nella transazione ''non c'è la clausola di 'non concorrenza'''.

Sul fronte politico, il portavoce dell'Idv, Leoluca Orlando, osserva: ''E' evidente che in Rai vige ancora 'l'Editto Bulgaro' nei confronti di giornalisti come Santoro e di altre libere trasmissioni'' Per il parlamentare del Pd ed ex-ministro delle comunicazioni, Paolo Gentiloni, ''per il servizio pubblico si conclude nel peggiore dei modi una guerra decennale combattuta per conto di Berlusconi''.

Intanto, dura reazione dei direttori di Rai1, Mauro Mazza, Rai2, Massimo Liofredi, e Rai3, Paolo Ruffini, per le modifiche ai palinsesti autunnali . A quanto apprende l'ADNKRONOS i direttori di Rai1 e Rai3 avrebbero scritto all'intero cda per sottolineare il desiderio di illustrare le ragioni delle loro proposte, modificate dal vertice aziendale. Mentre il direttore di Rai2 starebbe valutando di adire le vie legali a tutela dell'autonomia editoriale del direttore di rete. Liofredi sarà fra l'altro presente alla conferenza stampa convocata da Santoro.

Per quanto riguarda Rai1, il vicedg stamane avrebbe confermato la volontà aziendale di cancellare lo spazio di 'Domenica in' affidato quest'anno a Lorella Cuccarini e il programma pomeridiano di Paola Perego. Dal palinsesto di Rai2 esce invece 'Annozero' e anche lo spazio di Monica Setta in 'Pomeriggio sul due'. Per Rai3, la modifica più importante al momento è il no alla terza puntata del lunedì di 'Che tempo che fa' di Fabio Fazio. Ma rimane molta incertezza sugli altri contratti da rinnovare ('Parla con me' di Serena Dandini, 'Report' di Milena Gabanelli e Giovanni Floris per 'Ballaro'), seppure i programmi figurino in palinsesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog