Cerca

Majorana, foto sotto esame Ris messa a disposizione da trasmissione 'Chi l'ha visto'

Cronaca

Roma, 7 giu. (Adnkronos) - La foto sotto la lente del Ris di Roma, che ha portato alla riapertura dell'inchiesta dalla Procura capitolina sulla scomparsa di Ettore Majorana, è stata messa a disposizione degli investigatori dalla trasmissione 'Chi l'ha visto?'.

Lavorando sul caso del fisico, il programma aveva raccolto diverse testimonianze tra cui quella di un telespettatore secondo il quale un uomo che aveva conosciuto in Sudamerica, e che si faceva chiamare 'Bini', poteva in realtà essere Majorana. E proprio i primi accertamenti dimostrerebbero una compatibilità tra il misterioso 'Bini' e lo scienziato.

A spiegarlo all'Adnkronos è Pino Rinaldi, autore di 'Chi l'ha visto?' che si è occupato del caso: "La foto esaminata dal Ris è riferita al lavoro, abbastanza complesso, svolto da 'Chi l'ha visto?' - racconta - Io nel 2005 sono stato in Argentina sulle tracce di Majorana, raccogliendo testimonianze sul passaggio del fisico in Argentina. Quando il nostro servizio andò in onda un telespettatore di un paese vicino Roma, ma che in passato era emigrato in Sudamerica, chiamò e ci raccontò di aver conosciuto in Venezuela una persona, che diceva di provenire dall'Argentina".

Un uomo che si faceva chiamare 'Bini', molto "misterioso e colto, con l'auto sempre piena di fogli con formule matematiche".

Fu proprio il telespettatore a mostrare a 'Chi l'ha visto?' una foto del 1955 che lo ritraeva insieme a 'Bini'. Istantanea, sottolinea Rinaldi, "che ha portato alla riapertura dell'inchiesta sul caso Majorana da parte della Procura di Roma e che 'Chi l'ha visto?' ha messo a disposizione del Ris per accertamenti".

"Abbiamo dato noi la foto al Ris perché svolgesse un esame antropometrico dettagliatissimo - prosegue - esame da cui è emerso che esistono compatibilità e che Bini potrebbe essere in realtà Majorana". Ma, aggiunge l'autore del programma, ''al di là della comparazione antropometrica io ho sempre ritenuto che le testimonianze che raccolsi erano verosimili sia dal punto di vista storico sia della descrizione psicologica di questo uomo misterioso, colto e riservatissimo - conclude - l motore della riapertura del fascicolo è stato proprio il lavoro svolto da 'Chi l'ha visto?'".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog