Cerca

Toscana: Rapporto Irpet-Unioncamere, ripresa debole e disomogenea (6)

Economia

(Adnkronos) - Le conseguenze a livello occupazionale si tradurranno in uno stock di occupati non riassorbiti che diventeranno disoccupati o usciranno dalle forze di lavoro, mentre nei prossimi dieci anni mancheranno all'appello mediamente 1,5 miliardi di euro all'anno di entrate fiscali.

In questo scenario, in cui si innesteranno anche le politiche fiscali nazionali volte alla riduzione del debito pubblico tramite il taglio della spesa corrente e di quella per gli investimenti, le previsioni di crescita del Pil per la Toscana (+1,1-1,2%) non si discosteranno di molto da quelle per l'Italia (+1,2-1,4%) per il triennio 2011-2013.

Una crescita modesta quindi che, unita alla necessita' di recuperare maggiori livelli di produttivita' e di competitivita' delle imprese, sara' in grado di attivare una domanda di lavoro assai ridotta, nell'ordine di 0,5 punti percentuali in media fra il 2011 ed il 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog