Cerca

Israele: Gattegna e Jarach (Ucei), non cedere a minacce su festa Milano

Cronaca

Roma, 7 giu. - (Adnkronos) - ''E' in corso un palese tentativo da parte di forze, gruppi e persone animati da preconcetta ostilita' verso lo Stato d'Israele di far cancellare, fallire o almeno ridimensionare la portata di questo importante evento che e' finalizzato a rafforzare i rapporti di amicizia e collaborazione fra i due Paesi''. Lo affermano in una nota il presidente dell'Unione delle Comunita' Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna, e il presidente della Comunita' ebraica di Milano, Roberto Jarach, commentando le ''gravi intimidazioni lanciate contro la manifestazione Unexpected Israel organizzata a Milano a partire da domenica 12 giugno''. ''Una settimana'', sottolineano, ''dedicata alla storia, alla cultura e alla realta' israeliana''.

''Le comunita' ebraiche - aggiungono Gattegna e Jarach - si uniscono per sostenere l'intenzione annunciata sia dalle autorita' israeliane sia da quelle italiane di non attuare alcun cambiamento al programma stabilito, sottolineando che i contenuti della iniziativa sono orientati verso la cultura, il progresso, la tecnologia e l'arte, tutti temi che adeguatamente sviluppati possono solo agire positivamente verso la convivenza e la pace tra i popoli e perche' cedere alle minacce equivarrebbe ad assicurare un successo politico a coloro che stanno diffondendo con tutti i mezzi a loro disposizione messaggi di pregiudizio e di odio''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog