Cerca

Cassazione: convivente come la moglie, stesso risarcimento se muore partner

Cronaca

Roma, 7 giu. (Adnkronos) - La convivente ha gli stessi diritti di una moglie. Almeno quando si tratta di risarcire i danni morali patiti per la perdita del partner. Il responso arriva dalla Cassazione che ha riconosciuto lo stesso risarcimento (oltre 20 mila euro di danni morali) alla moglie e alla nuova compagna dello stesso uomo deceduto il 4 agosto del 1993 in seguito ad un incidente stradale. Secondo la Cassazione, "la famiglia legale" e quella "di fatto" giustamente sono state "parificate" nel momento in cui si e' dovuto stabilire il risarcimento per la perdita del caro.

Inutilmente la moglie di Alessandro V., deceduto nell'incidente, si e' rivolta alla Cassazione sostenendo che la Corte d'appello di Milano, nel febbraio 2008, non aveva tenuto conto delle "effettive sofferenze patite", intendendo dire che il dolore di una moglie e di una famiglia legale era superiore a quello di una famiglia allargata. Il ricorso in Cassazione e' stato sottoscritto anche dai figli di primo letto di Alessandro V. che ha avuto anche una figlia dalla nuova compagna. Tutti i ragazzi hanno avuto un risarcimento di oltre 10 mila euro fatta eccezione per la figlia sposata che ha avuto un risarcimento dimezzato. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog