Cerca

San Marino: imprenditori del Titano contro Sisal, Snai e Lottomatica

Economia

Milano, 7 giu. - (Adnkronos) - Gli imprenditori della Repubblica di San Marino partono lancia in resta contro Sisal, Snai e Lottomatica, che opererebbero "senza vincoli" nel territorio sammarinese. Per Osla, Organizzazione Sammarinese degli Imprenditori, "l'Italia bara con la presenza sul Titano dei suoi giochi e lotterie, che drenano entrate all'erario della piccola Repubblica, senza un controllo diretto da parte di chi, l'ente di Stato dei Giochi sammarinese, per legge regola il settore".

"A San Marino - continua l'Osla - l'unica societa' privata a maggioranza pubblica concessionaria dei giochi e' la Giochi del Titano Spa, quindi e' impensabile che societa' italiane come Sisal, Snai e Lottomatica operino senza vincoli in territorio sammarinese. Ancor di piu' in un momento di crisi socioeconomica senza pari. Per cui occorre eliminare le zone d'ombra". Per l'Osla, l'applicazione dell'autorita' di monopolio sui giochi nella Repubblica di San Marino fornirebbe "i presupposti per recuperare entrate importanti".

Allora, continua l'associazione, "occorre regolamentare queste societa' italiane, imponendo un'aliquota sulle giocate, altrimenti restano soggette al pagamento al solo Erario italiano delle diverse incidenze di prelievo che distinguono la raccolta di ogni gioco: dal Super Enalotto il 53,6% e dal Win for Life il 23,27%". Osla "chiede se i soggetti italiani che operano sul Titano sono autorizzati a farlo per ogni singolo gioco e, in termini fiscali, se sono stati sottoscritti accordi internazionali o di cooperazione. Dunque come viene applicata la rinnovata imposta speciale erariale sammarinese su tutti i giochi, dato che in Repubblica ci sono numerosi punti vendita italiani che fanno raccolta e non riconoscono nulla all'erario sammarinese". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog