Cerca

Cina: scontri tra polizia e operai che protestavano dopo ferimento collega

Esteri

Pechino, 8 giu. - (Adnkronos/Dpa) - Violenti scontri tra la polizia ed oltre 200 operai cinesi si sono verificati a Chaozhou city, nella provincia meridionale di Guangdong. Gli operai, tutti immigrati nella citta' per lavorare, si erano radunati di fronte all'edificio del governo per protestare contro il ferimento di un collega accoltellato mentre chiedeva che gli venissero versati due mesi di stipendi arretrati.

Negli scontri almeno 18 persone sono rimaste ferite e sono stati anche coinvolti diversi passanti, diverse automobili sono state danneggiate e la polizia ha fermato nove operai, secondo quanto riporta il Global Times citando le autorita' locali.

L'operaio era stato ferito lo scorso mercoledi' e la polizia ha arrestato tre sospetti, compreso il direttore della fabbrica per la quale lavorava. Gli scontri sono un'ulteriore prova dell'accendersi di tensioni nel mondo del lavoro cinese finora mai registrate della societa' comunista, come i lavoratori, soprattutto quelli che emigrano nelle citta' per lavorare nelle fabbriche, che chiedono migliori salari per far fronte al sempre crescente costo della vita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog