Cerca

Pil: Eurostat, in Italia è fermo allo 0,1%

Economia

Bruxelles, 8 giu. - (Adnkronos/Ign) - Pil fermo allo 0,1% in Italia nel primo trimestre del 2011. E' quanto rileva Eurostat, che oggi ha diffuso la seconda stima relativa alla crescita del Prodotto interno lordo nei 27 nel periodo gennaio-marzo. L'Italia ha fatto registrare un aumento del Pil dello 0,1%, identico a quello rilevato nell'ultimo trimestre del 2010 e ben al di sotto della media dell'eurozona e dell'Ue a 27, pari allo 0,8%. Su base annuale, rispetto al primo trimestre dello scorso anno, la crescita del Pil in Italia è stata dell'1%, contro il 2,5% della media europea.

Peggio dell'Italia, secondo l'Ufficio statistico di Bruxelles, fanno solo Cipro, con una crescita del Pil pari allo 0, e Danimarca e Portogallo, che fanno registrare per il primo trimestre del 2011 rispettivamente un -0,5% ed un -0,7%. Crescono più dell'Italia anche due tra i Paesi più in difficoltà dell'eurozona, Spagna e Grecia, che registrano un 0,3% ed un 0,8%. Non sono invece disponibili i dati relativi all'Irlanda, che insieme a Portogallo e Grecia usufruisce degli aiuti Ue-Fmi e che nell'ultimo trimestre del 2010 aveva registrato un segno negativo, con un -1,6%.

Mentre per quanto riguarda l'eurozona e l'Ue a 27 nel primo trimestre del 2011, secondo Eurostat, il Pil è in crescita dello 0,8% nell'eurozona e nell'Ue a 27 nel primo trimestre del 2011. Nell'ultimo trimestre del 2010 il Prodotto interno lordo era cresciuto dello 0,3% nell'area euro e dello 0,2% nei 27. Su base annuale, rispetto al primo trimestre del 2010, il Pil è cresciuto del 2,5% in entrambe le aree.

A trainare la crescita del Pil nell'Ue, secondo l'Ufficio statistico di Bruxelles, la 'solita' Germania, con un 1,5% nel primo trimestre dell'anno in corso, rispetto allo 0,4% degli ultimi tre mesi del 2010 (su base annua, l'aumento del prodotto interno lordo è stato del 4,8%), l'Estonia, con un 2,1%, e la Lituania, con un 3,5%. Negativo, invece, per il secondo trimestre consecutivo, il Pil di Danimarca, - 0,5%, e Portogallo, -0,7%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog