Cerca

Alcol: causa 1 morte su 4 in strada, ma aumentano giovani sobri al volante

Cronaca

Roma, 8 giu. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Sobri al volante. Aumentano in Italia i 'guidatori designati', persone che non bevono neppure un cocktail per riaccompagnare a casa in sicurezza gli amici. L'Automobile club d'Italia e Diageo Italia, leader mondiale delle bevande alcoliche, ne hanno gia' individuati oltre 132.000 nel corso 'Divertiti responsabilmente', iniziativa di responsabilita' sociale che si svolge nei pub e nelle discoteche delle localita' piu' frequentate dai giovani in estate.

Il dato e' stato diffuso oggi a Roma dal presidente dell'Aci, Enrico Gelpi, alla conferenza stampa di presentazione dell'edizione 2011 della campagna, alla presenza del ministro della Salute, Ferruccio Fazio. Le statistiche evidenziano un quadro allarmante in Europa: il 25% delle vittime della strada e' imputabile all'alcol e quasi il 2% dei conducenti guida sistematicamente con un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla legge. Gli incidenti legati al consumo di alcolici sono la prima causa di morte tra i giovani fino a 24 anni. Nel nostro Paese i neopatentati sono coinvolti nel 15% dei botti sulle strade. Nelle ore serali e notturne la percentuale sale mediamente al 25% e arriva al 32% il sabato sera. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog