Cerca

Crisi economica: Sadun (Fmi), e' rottura non ciclo non si tornera' a livelli precedenti

Economia

Milano, 8 giu. (Adnkronos) - La crisi finanziaria e' stata una vera e propria rottura rispetto al passato e non e', invece, espressione di un ciclo economico. La prospettiva percio', e' che non si riuscira' a tornare ai livelli pre crisi, nonostante ci si stia avviando ad un lenta risalita. E' l'opinione di Arrigo Sadun, direttore esecutivo del Fondo monetario europeo, oggi a Mlano per partecipare al Wgo 2011, organizzato da Swiss & Global asset management.

''Questo non e' un ciclo: e' una rottura strutturale'', spiega infatti Sadun, evidenziando che ''il fondo monetario internazionale ha analizzato l'esperienza di decine e decine di Paesi. Quando avviene una rottura di un sistema finanziario, le conseguenze sono precise e molto gravi''.

Il direttore secutivo dell Fmi ricorda poi un'immagine da lui spesso utilizzata anche in passato per spiegare il profilo della crisi economica. Si tratta di una vasca vittoriana, con uno schienale ripido, che rappresenta il crollo; un fondale lungo e una sponda opposta con lo schienale piu' dolce. ''Questo profilo - evidenzia Sadun - e' diverso da quello utilizzato dagli economisti, che descrivono, ad esempio, una recessione a 'V', o una recessione a 'U'. Invece per me, quella della vasca vittoriana cattura bene quello che e' successo e che sperimenteremo nei prossimi anni. Nei prossimi anni, faccio notare, non nei prossimi mesi. Una caduta rapida, una crescita strisciante sul fondo e poi ci sara' la ripresa con un angolo di incidenza nella curva piu' modesto rispetto a quello della caduta''.

''Ma l'altezza delle due sponde della vasca - conclude Sadun - sono asimmetriche e quindi quando verra' superata la fase di incertezza e verranno equilibri nuovi, non si tornera' piu' a livelli di attivita' precedenti, sia come tasso di crescita, sia come tasso di rendimento o di investimento. Stiamo entrando in un mondo fondamentalmente e permanentemente molto diverso dal passato''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog