Cerca

'ndrangheta: in Calabria confiscata villa e clinica a ex consigliere regionale condannato

Cronaca

Reggio Calabria, 8 giu. - (Adnkronos) - I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito la confisca di Villa Anya, la clinica privata dell'ex consigliere regionale calabrese Domenico Crea, condannato in primo grado a undici anni e tre mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Secondo l'accusa Crea, attraverso l'indebito utilizzo del proprio status, era riuscito a rimuovere gli ostacoli burocratici che si opponevano all'acquisizione delle autorizzazioni regionali per il funzionamento e l'accreditamento con il servizio sanitario nazionale dell'anzidetta struttura sanitaria.

E' stata disposta inoltre la confisca di tutto il patrimonio mobiliare e immobiliare gia' sequestrato nel novembre 2009, tra cui la villa dell'ex consigliere regionale. Il provvedimento emesso dal Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Procura distrettuale, riguarda anche disponibilita' finanziarie per 150mila euro. Domenico Crea e' stato sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per cinque anni.

L'ex consigliere regionale e' stato arrestato il 28 gennaio 2008 nell'ambito dell'operazione 'Onorata sanita'', condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Reggio Calabria. Secondo l'accusa, Crea era ''elemento cardine del sistema di controllo e gestione degli appalti e dei servizi pubblici, con particolare riferimento al settore della sanita' pubblica'' e avrebbe ottenuto preferenze elettorali attraverso l'impegno di alcuni membri delle consorterie mafiose della provincia reggina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog