Cerca

Batterio killer: Coldiretti Umbria, calano consumi ortaggi

Economia

Perugia, 8 giu. - (Adnkronos) - E' il danno agli agricoltori uno dei pochi dati certi della vicenda del ''batterio Killer'', che anche in Umbria sta provocando ripercussioni negative sulle vendite degli ortaggi locali. E' quanto afferma Coldiretti Perugia, che registra la forte preoccupazione di numerosi imprenditori agricoli, che subiscono incolpevolmente un calo sensibile delle vendite, in seguito ad una vicenda gestita nel completo caos tra errori, ritardi e dannose approssimazioni a livello europeo.

E' il caso, ad esempio, della Cooperativa Ortofrutticola S. Andrea di Perugia, che produce annualmente circa 40.000 quintali di ortaggi freschi ''Made in Umbria'', distribuiti principalmente presso la piccola e grande distribuzione. ''I cali delle vendite - precisa il presidente della Cooperativa Giuseppe Goretti - interessano innanzitutto i cetrioli (- 70%) ingiustamente indicati inizialmente come responsabili e gli altri ortaggi (- 40%), come insalate e pomodori, ma c'e' preoccupazione anche per la frutta di stagione locale che tra pochi giorni entrera' in commercio''.

Per questo e' iniziata una vera e propria mobilitazione ''antipanico'' della Coldiretti, per superare la psicosi ingiustificata che ha determinato il crollo negli acquisti a livello nazionale e all'estero dei prodotti ortofrutticoli e necessaria per la ripetuta diffusione di notizie risultate infondate che hanno pero' provocato il cambiamento della dieta di un cittadino europeo su tre (35 per cento), secondo Eurobarometro. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog