Cerca

Batterio killer: cetrioli, crollano le vendite nella provincia di Firenze

Cronaca

Firenze, 8 giu. - (Adnkronos) - La psicosi di questi giorni, dovuta al 'batterio killer E.coli' (Escherichia coli), ha avuto gravi ripercussioni anche a Firenze nelle vendite di questo ortaggio, che viene venduto solo in estate. E' infatti il danno agli agricoltori uno dei pochi dati certi di questa vicenda, che subiscono incolpevolmente un calo sensibile delle vendite, in seguito ad una situazione gestita nel completo caos tra errori e dannose approssimazioni soprattutto a livello europeo.

La Cooperativa Agricola di Legnaia si e' fatta portavoce delle aziende orticole della provincia di Firenze, denunciando un allarme ingiustificato tra i cittadini, che ha invece portato solo ad un preoccupante picco negativo di consumi dei cetrioli in tutta la Toscana con gravi perdite economiche nel settore dell'ortofrutta locale.

''Ci siamo recati stamani da agricoltori di un'azienda orticola fiorentina che serve la maggior parte dei mercati della zona - ha raccontato Antonio Lanzi, agronomo che segue i soci della Cooperativa Legnaia - e ci hanno riferito che, da quando e' venuto fuori il caso del batterio 'E.coli', stanno perdendo ogni giorno dai 30 ai 35 quintali di prodotto: centinaia di casse di cetrioli vengono riposte nelle celle frigorifere, ma dopo qualche giorno devono essere gettate al macero. Infatti delle 300 casse che mediamente venivano richieste dai rispettivi mercati locali, oggi ne richiedono a malapena 30. Ogni azienda, in questi giorni, arriva a perdere fino a 2.500 euro il giorno e questo e' molto grave per l'economia agricola locale''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog