Cerca

Roma: Confcooperative, tassisti stanchi delle promesse disertano la piazza (2)

Cronaca

(Adnkronos) - "Forse e' il caso - ha detto Mitra - che la moltitudine delle rappresentanze sindacali in primis faccia un serio esame di coscienza e avvii un profondo processo di rinnovamento, preparando la categoria alle nuove sfide di un mercato che sta mutando a ritmi decisamente incalzanti e che non regge piu' modalita' e riti del passato".

"Occorre altresi' - prosegue - che la classe politica smetta di farsi tirare la giacca, ora dall'uno ora dall'altro, ammiccando ora ad un fronte sindacale, ora all'altro. E' il momento di gestire, sempre concertando, una linea ferma nel rispetto delle regole, con al centro a pari peso l'interesse del tassista e quello del cittadino. Interesse che passa per un servizio moderno e di qualita', degno della Capitale del nostro Paese. A volte paiono invece prevalere, da troppo tempo, interessi tutti interni alla politica e alle tante Associazioni. E questo non possiamo piu' permettercelo, non se lo puo' piu' permettere la citta'".

"Forse - conclude Mitra - le ottomila famiglie che ieri hanno rinunciato al reddito di una giornata di lavoro, in un periodo di forte crisi, lo hanno fatto soprattutto per chiedere un segnale di forte discontinuita' rispetto al passato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog