Cerca

Toscana: Consiglio regionale, unanimita' per deroga caccia allo storno (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Se non interverranno novita' da parte del Governo, la deroga per la salvaguardia di frutteti, oliveti, vigneti, con frutto ancora pendente, sara' possibile solo nei comuni che dimostrano di aver avuto danni gravi nel 2010. ''Sono requisiti indispensabili per la legittimita' dell'atto sotto il profilo del diritto interno e del diritto comunitario - ha concluso l'assessore - L'unico modo per dare certezze agli agricoltori ed ai cacciatori toscani''.

''Condivisione totale'' sulla comunicazione e' stata espressa da Marco Remaschi (Pd), che ha sottolineato come i danni certificati dalle Province siano molto inferiori ai danni effettivi, perche' i piccoli coltivatori e i privati non li segnalano. ''E' necessario uno sforzo ulteriore - ha detto - Il Governo deve agire per inserire lo storno tra le specie cacciabili anche in Italia''.

''Sono dispiaciuto per queste sottolineature critiche. Il Governo su questi temi ha sempre risposto'' ha replicato Claudio Marignani (PdL), che si e' comunque dichiarato d'accordo sulle linee indicate dall'assessore. ''In altri paesi lo storno e' stato inserito tra le specie cacciabili ai sensi della direttiva comunitaria, ma l'Italia non ha chiesto niente in questo senso'' ha affermato Maria Luisa Chincarini (Idv), che ha sollecitato un'azione specifica del governo. ''Lo storno si e' riprodotto in modo abnorme - ha aggiunto - In Emilia Romagna i danni hanno raggiunto il milione di euro''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog