Cerca

Eni: scoperta a olio nelle acque del Golfo del Messico

Economia

Milano, 8 giu. - (Adnkronos) - Eni ha annunciato un'importante scoperta a olio nelle acque profonde del Golfo del Messico nel suo primo pozzo perforato dopo la fine della moratoria. Il pozzo esplorativo KC919-3 (Hadrian North), fa sapere Eni, ha confermato la presenza di un importante accumulo di idrocarburi, principalmente a olio nel Blocco Keathley Canyon 919. Il pozzo ha incontrato circa 150 m di mineralizzazione a olio e una quantita' minore di gas in sabbie di eta' Pliocenica di ottima qualita'. Il pozzo, che sta ora proseguendo la perforazione a una maggiore profondita', si trova a circa 400 km a sud ovest di New Orleans, in 2100 metri di profondita' d'acqua.

La joint venture sta ora valutando il modo per sviluppare le risorse scoperte. Eni detiene il 25% di interesse nel blocco KC919-3 insieme a Petrobras (25%) ed ExxonMobil (50%, operatore). Negli Stati Uniti Eni detiene 333 Blocchi nel Golfo del Messico e si posiziona tra i primi produttori con una capacita' di oltre 100.000 barili/giorno, il 60% dei quali provenienti da campi operati. Eni e' inoltre presente in Alaska con interessi in 140 blocchi nell'offshore e sul North Slope dove opera il progetto a olio di Nikaitchuq.

Nel 2009 Eni ha siglato un accordo con Quicksilver Resources, un produttore indipendente USA di gas naturale, partecipando con il 27,5% allo sviluppo dell'area 'Alliance' che produce gas non convenzionale (gas shale) dalle Barnett Shales nel bacino di Fort Worth.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog