Cerca

Arte: a Firenze una 'maratona' del contemporaneo nel nome di Hirst

Cultura

Firenze, 8 giu. - (Adnkronos) - Dodici ore no stop tra conferenze, spettacoli, eventi, una vera e propria 'maratona' del contemporaneo con epicentro a Palazzo Vecchio ed eventi in tutta la citta' per celebrare e riscoprire l'identita' e l'anima contemporanea di Firenze. E' ''For the love of contemporary'', titolo che parafrasa il nome del famoso teschio tempestato di diamanti di Damien Hirst - ''For the love of God'' - e che si svolgera' sabato 11 giugno, alla vigilia della partenza dell'opera da Firenze.

L'evento e' organizzato dal Comune, con il supporto di Arthemisia Group, ed e' stato presentato a Palazzo Vecchio dall'assessore alla cultura Giuliano da Empoli, da Silvia Lucchesi de Lo Schermo dell'Arte e da Sergio Tossi di EX 3. Presente anche Francesco Bonami, critico e curatore della mostra di Hirst a Palazzo Vecchio.

La giornata iniziera' proprio da Palazzo Vecchio, con conferenze sul tema dell'arte contemporanea a partire dal primo pomeriggio. Tra gli appuntamenti, alle 17.30 l'incontro ''Citta' fatte ad arte: nuovi visioni per lo spazio urbano'', dedicato in particolare al tema dell'arte pubblica. Parteciperanno l'assessore da Empoli; Beatrice Trussardi, presidente della fondazione Nicola Trussardi; Mario Cristiani, fondatore di Galleria Continua; Alberto Salvadori, direttore artistico del museo Marino Marini; e Arabella Natalini, curatrice di EX 3. Alle ore 19 l'evento clou: il curatore Bonami in dialogo con Hans-Ulrich Obrist, codirettore della celebre Serpentine Gallery di Londra, per un confronto sull'opera e le tematiche affrontate da Hirst: la vita, la morte, la vanitas e il valore immortale dell'arte. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog