Cerca

'ndrangheta: scrittore Abbate, forza delle parole puo' scuotere coscienze

Cronaca

Catanzaro, 8 giu. - (Adnkronos) - ''La forza delle parole e delle azioni contro le mafie puo' scuotere le coscienze dei calabresi. Un terremoto culturale capace di far crollare il muro di omerta' e' quello che vogliamo provocare con ''Trame''. In questa terra di Calabria martoriata da criminali senza scrupoli che si alimentano anche della paura della gente. E della collusione di amministratori e professionisti infedeli e avidi del denaro sporco. Negli ultimi tre giorni si sono contati due morti ammazzati a Lamezia, la citta' che accogliera' dal 22 al 26 giugno un esercito di antimafiosi che scendono al fianco dei lametini. Ma Lamezia vuole essere il punto di partenza fra le citta' calabresi da dove si vuol far nascere la rivoluzione contro la 'ndrangheta. Con i fatti e gli esempi pratici. Per questo veniamo in Calabria''. E' quanto dichiara lo scrittore Lirio Abbate, direttore di ''Trame. Festival dei libri sulle mafie'' che si terra' a Lamezia Terme dal 22 al 26 giugno.

Proprio la scorsa notte nella piana lametina si e' registrato l'ultimo omicidio. ''Gli autori e i giornalisti che abbiamo scelto di far intervenire a Trame -aggiunge- sono tra i pochi rimasti in questo Paese a svolgere un importante ruolo di supplenza civile e di vigilanza democratica. Supplenza civile nel ricostruire con meticolosa pazienza la memoria di fatti storici oscurati o distorti dalla tv di Stato, dalla televisione commerciale o dagli apparati culturali di regime. Vigilanza democratica nei confronti di un potere ogni giorno piu' arrogante che alimenta la pratica dell'omerta' di massa''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog