Cerca

Energia: Confindustria Sicilia, su rigassificatore Porto Empedocle no a posizioni retroguardia

Economia

Palermo, 8 giu. - (Adnkronos) - Confindustria Sicilia sara' al fianco dei sindacati Flaei, Uilcem e Filctem e dei lavoratori che manifesteranno venerdi' prossimo dalle 10 davanti alla sede del Comune di Agrigento per dire si' al rigassificatore di Porto "mpedocle, all'occupazione e allo sviluppo del territorio. ''Confidiamo - sottolinea il presidente di Confindustria Sicilia, Ivan Lo Bello - che il senso di responsabilita' di tutti permetta di abbandonare posizioni di retroguardia, con l'utilizzo di cavilli e impuntature, che hanno il solo fine di mandare a monte un progetto cosi' importante come il rigassificatore di Porto Empedocle".

"Un progetto - spiega - da 800 milioni di euro di investimento, che darebbe un grande impulso allo sviluppo del territorio, opportunita' per le imprese locali e lavoro a centinaia di persone. Il progetto avrebbe altresi' ricadute indirette sul turismo locale, grazie alla realizzazione di banchinamenti e dragaggi che Enel si e' impegnata a realizzare e che permetterebbero l'attracco di navi da crociera''.

Confindustria Sicilia si e' costituita ad adiuvandum (a sostegno) del ricorso presentato in appello al Consiglio di Stato da Enel/Nuove Energie, dopo che il Tar Lazio aveva accolto il ricorso del Comune di Agrigento e di alcune associazioni, annullando il decreto autorizzativo. La sentenza del Consiglio di Stato e' attesa la prossima settimana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog