Cerca

Papa: ''Dare priorità alle energie pulite, riflettere sull'avvenire del pianeta''

Economia

Città del Vaticano, 9 giu. (Adnkronos/Ign) - ''L'ecologia umana è un imperativo. Adottare stili di vita rispettosi dell'ambiente e sostenere la ricerca e lo sfruttamento di energie pulite in grado di salvaguardare il patrimonio del creato ed essere senza pericolo per l'uomo, devono costituire priorità politiche ed economiche''. E' un discorso interamente dedicato ai temi ecologici quello pronunciato oggi da Papa Benedetto XVI ai nuovi ambasciatori accreditati presso la Santa Sede di Moldavia, Guinea, Belize, Siria, Ghana e Nuova Zelanda.

Parlando in francese, il Papa ha subito fatto riferimento alle ''innumerevoli tragedie che hanno toccato la natura, la tecnica e i popoli'' in questo primo semestre del 2011 ed ha commentato: ''l'ampiezza di tali catastrofi ci interroga''. ''L'uomo - ha proseguito Ratzinger - a cui Dio ha confidato la buona gestione della natura, non può essere dominato dalla tecnica e diventare suo soggetto. Una tale presa di coscienza deve condurre gli Stati a riflettere insieme sull'avvenire a breve termine del pianeta, riguardo alle loro responsabilità verso la nostra vita e le tecnologie''.

''In questo senso - ha proseguito il Pontefice - è divenuto necessario rivedere completamente il nostro approccio con la natura''. La natura, ha detto Benedetto XVI, ''ci è essenziale''. E' in qualche modo la ''casa'' in cui abita l'uomo per cui è divenuto oggi impellente ''arrivare rapidamente ad un'arte del vivere insieme che rispetta l'alleanza tra l'uomo e la natura senza la quale la famiglia umana rischia di scomparire. Deve pertanto essere realizzata una riflessione seria che porti a proporre soluzioni precise e percorribili. I governi devono impegnarsi a proteggere la natura e aiutarla a svolgere il suo ruolo essenziale per la sopravvivenza dell'umanità''.

Il discorso del Pontefice ha poi affrontato il nodo delle tecnologie. ''La tecnica che domina l'uomo - ha spiegato - lo priva della sua umanità. L'orgoglio che essa genera fa nascere nelle nostre società un economismo ingestibile ed un certo edonismo'', che a sua volta ''determina comportamenti egoistici e succubi''. ''Coscienti del rischio che corre l'umanità'', è dunque diventato oggi ''urgente giungere a coniugare la tecnica con una forte dimensione etica''.

Ricevendo le credenziali del nuovo ambasciatore siriano presso la Santa Sede Hussan Edin Aala, Ratzinger ha sottolineato l'importanza che la convivenza fra ''le varie componenti culturali e religiose della Nazione venga perseguita e si sviluppi per il bene di tutti, rafforzando così un'unità costruita sul bene e sulla giustizia''. ''Tuttavia una tale unità - ha detto il Papa - non può essere costruita in maniera durevole che nel riconoscimento della centralità della dignità della persona umana''.

''La via dell'unità e della stabilità di ogni nazione - ha aggiunto - passa dunque per il riconoscimento della dignità inalienabile di ogni persona''. ''Quest'ultima - ha concluso Benedetto XVI - deve dunque essere al centro delle istituzioni, delle leggi e dell'azione delle società''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog