Cerca

Elettrosmog: Cassazione, da Radio Vaticana molestie permanenti e invasive

Cronaca

Roma, 9 giu. (Adnkronos) - Nella vicenda di Radio Vaticana e' stato accertato il "carattere permanente ed invasivo delle molestie" determinate dall'emissione delle onde elettromagnetiche dell'emittente, come pure "la consapevolezza" del cardinale Roberto Tucci, direttore della emittente vaticana dal 1985 al 2001 e di Pasquale Borgomeo, l'altro responsabile poi deceduto. Lo mette nero su bianco la Quarta sezione penale della Cassazione nel motivare il motivo per cui, lo scorso 24 febbraio, ha respinto il ricorso presentato dalla difesa degli imputati, confermando la prescrizione del reato di 'getto pericoloso di cose' come pure il diritto dei cittadini di Cesano ad essere risarciti.

In particolare, la Suprema Corte - con le motivazioni contenute nella sentenza 23262 depositata oggi - ha sposato la tesi della Corte d'appello di Roma del 14 ottobre 2009, sottolineando che i colleghi di merito "attraverso una ricognizione che eccede volutamente i confini temporali della contestazione penale per meglio significare con il criterio del 'prima' del 'durante' e del 'dopo' il carattere permente e invasivo delle molestie, ha richiamato circostanze oggettive suscettibili di provare il carattere indubitabile, intenso e disturbante delle emissioni di onde, registrate per la loro intensita' e rivelate oggettivamente da risonanze le piu' insolite e insospettabili in ordinari strumenti del vivere quotidiano diventati (in connessione con la intensita' delle immissioni moleste), anomali e incontrollabili apparecchi di ricezione e amplificazione". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog