Cerca

Acqua: Filippi (Pdl), se vince il 'si'' rischio crollo azioni municipalizzate (2)

Economia

(Adnkronos) - "Se al prossimo referendum prevalessero i 'si'', come vorrebbero i promotori, verrebbe bloccato ogni possibilita' di gara per la gestione delle reti idriche rendendo il monopolio delle aziende pubbliche obbligatorio" rimarca l'esponente Pdl, ricordando che cio' "non costituisce certo una garanzia per i cittadini utenti, visto le carenze, l'inefficienza e gli sprechi che la gestione pubblica, specie nel sud dell'Italia, hanno finora prodotto".

Non solo. Secondo Filippi, "crollerebbero le quotazioni delle azioni delle municipalizzate che i privati hanno acquistato in borsa, in quanto verrebbe vietato per legge la possibilita' di fare investimenti remunerativi ed imposti". "Una soluzione disastrosa dunque, a fronte delle perdite presenti all'interno della rete idrica pubblica attuale, pari al 40% delle risorse disponibili in natura, e della necessita' di nuovi investimenti nel settore, per un importo di 70 miliardi di euro" conclude Filippi, per il quale "la migliore soluzione per condannare alla sconfitta i promotori di questi assurdi referendum sia quella di non andare a votare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog