Cerca

Made in Italy: Anci, nel 2010 esportazioni in aumento del 15,2% (5)

Economia

0

(Adnkronos) - Sul fronte occupazionale il 2010 ha registrato a consuntivo la perdita di 2.754 posti di lavoro (gli addetti diretti sono ora 80.153, il 3,3% in meno su dicembre 2009) e la chiusura di 224 calzaturifici (scesi a 5.804, -3,7%). Anche il ricorso agli strumenti di integrazione salariale e' cresciuto globalmente del 28,7%, pur registrando un calo per la componente ordinaria (-40%), oltre a una decisa frenata del ricorso complessivo nella seconda meta' dell'anno: +3,7% nel terzo trimestre e una riduzione dell'1,7% nel quarto.

"E' indubbio -osserva Artoli- che senza una politica industriale degna di questo nome, il ritorno alla crescita rischia di non generare occupazione. Occorre pero' ribadire con chiarezza un concetto: imprese e lavoratori in questa crisi sono dalla stessa parte. Per noi perdere manodopera qualificata e' un danno irreparabile quindi non c'e' contrapposizione tra imprenditori e rappresentanze sindacali: lo confermano tutti i recenti confronti, incluso l'ultimo contratto di lavoro siglato nel 2008 e nel 2010".

"Dobbiamo invece continuare a convincere il nostro Governo e quello europeo -sottolinea- che il nostro e' un settore su cui scommettere e che puo' ancora dare tanto in termini economici e di ritorno per l'immagine stessa del made-in-Italy. Ed e' proprio questo il senso dello Shoe Report, giunto alla terza edizione, strumento con il quale Anci parla ai policy makers italiani''.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media