Cerca

Made in Italy: Anci, nel 2010 esportazioni in aumento del 15,2% (5)

Economia

(Adnkronos) - Sul fronte occupazionale il 2010 ha registrato a consuntivo la perdita di 2.754 posti di lavoro (gli addetti diretti sono ora 80.153, il 3,3% in meno su dicembre 2009) e la chiusura di 224 calzaturifici (scesi a 5.804, -3,7%). Anche il ricorso agli strumenti di integrazione salariale e' cresciuto globalmente del 28,7%, pur registrando un calo per la componente ordinaria (-40%), oltre a una decisa frenata del ricorso complessivo nella seconda meta' dell'anno: +3,7% nel terzo trimestre e una riduzione dell'1,7% nel quarto.

"E' indubbio -osserva Artoli- che senza una politica industriale degna di questo nome, il ritorno alla crescita rischia di non generare occupazione. Occorre pero' ribadire con chiarezza un concetto: imprese e lavoratori in questa crisi sono dalla stessa parte. Per noi perdere manodopera qualificata e' un danno irreparabile quindi non c'e' contrapposizione tra imprenditori e rappresentanze sindacali: lo confermano tutti i recenti confronti, incluso l'ultimo contratto di lavoro siglato nel 2008 e nel 2010".

"Dobbiamo invece continuare a convincere il nostro Governo e quello europeo -sottolinea- che il nostro e' un settore su cui scommettere e che puo' ancora dare tanto in termini economici e di ritorno per l'immagine stessa del made-in-Italy. Ed e' proprio questo il senso dello Shoe Report, giunto alla terza edizione, strumento con il quale Anci parla ai policy makers italiani''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog