Cerca

Delitto Olgiata: 20 anni fa l'omicidio della contessa Alberica Filo della Torre/Adnkronos (5)

Cronaca

(Adnkronos) - Il 26 novembre dello scorso anno Emilia Parisi Halfon, conoscente del marito della contessa, fornisce un nuovo elemento e consegna ai magistrati un cellulare della contessa Alberica Filo della Torre. L'avvocato Marcello Petrelli, legale di Emilia Parisi Halfon, spiega di aver consigliato lui stesso alla sua assistita di rivolgersi ai magistrati: "Penso che la signora avesse dimenticato di aver avuto in dono questo telefonino". Al momento del ritrovamento "lei ha chiesto la mia opinione e io le ho consigliato di consegnarlo agli inquirenti. Lei - spiega il legale - lo aveva ricevuto da Mattei". Il 29 marzo scorso il domestico filippino della contessa viene fermato dai carabinieri. Al fermo gli investigatori del Ris e del reparto operativo dei carabinieri sono giunti attraverso l'esame del Dna con le tecniche piu' avanzate.

Il 1 aprile arriva il colpo di scena. Il domestico filippino tra le lacrime fa luce dal carcere di Regina Coeli su un delitto rimasto a lungo uno dei grandi misteri italiani. Nella giornata di attesa per la convalida del fermo, Manuel Winston Reyes, il domestico filippino, ammette di aver ucciso la contessa Alberica Filo della Torre. Ammissioni per liberarsi da un 'peso' che si portava dentro dalla mattina del 10 luglio 1991, quando la contessa venne trovata senza vita nella camera da letto della sua villa all'Olgiata.

''Mi volevo togliere un peso che mi portavo dentro - ha spiegato il filippino - sono stato io a uccidere la contessa. Ogni volta che sentivo parlare della storia della contessa venivo assalito dall'angoscia". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog