Cerca

Arte: i giganti di Rabarama invadono Firenze

Cultura

Firenze, 10 giu. - (Adnkronos) - Il centro storico di Firenze ospita, fino al 30 settembre, le maxisculture realizzate da Rabarama nella mostra ''Anticonforme''. Organizzata da Vecchiato Art Galleries, l'esposizione e' a cura di Luca Beatrice.

Circa quaranta opere realizzate in marmo bianco di Carrara e in bronzo dipinto ''invadono'' con la loro mole monumentale il centro storico di Firenze, partendo da Piazza Pitti, per proseguire col Giardino di Boboli, il parco delle Scuderie Reali e le Pagliere. Sono le sculture tatuate di Rabarama (nome d'arte dell'artista Paola Epifani) che, nonostante le polemiche sollevate dall'assessore alla cultura Giuliano da Empoli nei giorni precedenti all'inaugurazione, sono pronte a stupire i visitatori.

Paola Epifani (Rabarama), nata a Roma nel 1969, lavora a Padova, citta' in cui vive. Figlia d'a rte, ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Venezia. La negazione del libero arbitrio, la predestinazione degli eventi, la riduzione dell'uomo a semplice computer biologico sono le tematiche che si incrociano nella sua arte, che si esprime in grandi sculture dagli stili e dai colori etnici. Centrale nella sua opera e' l'idea di ''prigione dell'anima'', tradotta in immagini cristallizzate alla ricerca del soprannaturale. Geroglifici, puzzle e nidi d'ape sono la visualizzazione del genoma, le infinite combinazioni e varieta' possibili insite nell'umanita', visualizzate nei labirinti mentali in cui e' materializzata la multiforme complessita' dell'io. Legata a quest'ultima evoluzione simbolica e' la scultura monumentale realizzata per il Museo d'Arte Contemporanea di Boca Raton in Florida, installata nel 2001.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog