Cerca

Universita': l'ateneo di Palermo mette on line i suoi tesori

Cronaca

Palermo, 10 giu.?- (Adnkronos) - Sei musei, sette collezioni di interesse scientifico e didattico, cinque tesori archeologici, naturalistici e storici. L'Universita' di Palermo mette in rete il suo straordinario patrimonio di luoghi di arte, scienza e natura e fonda un sistema museale d'Ateneo (Simua) mettendo in cantiere un logo unico e approvando un regolamento che consente di integrarne e potenziarne l'attivita'.

Un'iniziativa che matura proprio quando l'Ateneo bandisce la gara per affidare a un privato la gestione dell'intero complesso dello Steri: al Palazzo che custodisce il celebre soffitto della Sala Magna e la Vucciria di Renato Guttuso e alla chiesetta di Sant'Antonio Abate, si aggiunge adesso lo straordinario carcere dei prigionieri dell'Inquisizione, che per la prima volta sara' aperto stabilmente al pubblico e avra' un servizio di ristorazione con servizio ai tavoli, caffetteria e un bookshop.

Struttura unica al mondo, per cui l'Ateneo punta a una gestione di qualita' internazionale capace di incrementare i flussi di visita che attualmente (per il solo Steri) si attestano intorno alle 30 mila presenze l'anno. ''Un altro passo -dice il rettore, Roberto Lagalla- verso la compiuta valorizzazione di un patrimonio di straordinario valore, nel segno di un'offerta stabile di arte e cultura al territorio''. ''L'obiettivo del Simua -aggiunge il delegato al sistema museale, Valerio Agnesi- e' coniugare lo sviluppo delle singole realta' museali con la realizzazione di una piu' generale politica d'Ateneo''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog