Cerca

Calcio scommesse, Maroni: "Al Viminale una task force contro le 'combine'"

Sport

Roma, 10 giu. - (Adnkronos) - Un'unità investigativa permanente al Viminale, con esperti del ministero dell'Interno e dell'Economia, delle forze dell'ordine, dell'antimafia e del mondo sportivo: è questa la risposta istituzionale allo scandalo del calcio-scommesse. Il ministro dell'Interno Roberto Maroni -al termine del vertice al Viminale con il presidente del Coni Gianni Petrucci e con il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete- annuncia che lunedì prossimo formalizzerà il provvedimento che istituisce presso il Viminale una unità investigativa sulle scommesse sportive, che già alla fine della prossima settimana farà la sua prima riunione operativa "perché il mondo dello spore e quello delle scommesse non si fermano mai", sottolinea.

All'unità investigativa, spiega Maroni, "sarà affidata l'opera di prevenzione sulle 'combine', quale centro unificato per raccogliere tutte le informazioni e valutare le segnalazioni dei concessionari a proposito di flussi anonimi per un eccesso di scommesse su singole partite di calcio o altri eventi sportivi. L'attività investigativa sarà invece demandata a un gruppo con rappresentanti di polizia, carabinieri e guardia di finanza che vedrà all'opera esperti dello Sco, del Gico, del Ros e della Dia".

Per il ministro dell'Interno, l'iniziativa decisa oggi rappresenta "un buon punto di partenza per una reazione immediata, nell'interesse esclusivo del mondo dello sport e delle persone oneste", anche tenendo conto che "non possiamo escludere un intervento della criminalità organizzata in questo settore, che puo' rappresentare un forte interesse nell'ambito del riciclaggio di denaro sporco".

Il nuovo istituto potrà però occuparsi soltanto delle scommesse realizzate in Italia. "Per quel che riguarda le scommesse all'interno dei Paesi Ue -spiega Maroni- ritengo necessario e proporrò la costituzione di un network europeo sul modello di questa unità investigativa, che a sua volta trae origine dall'esperienza positiva realizzata con l'Osservatorio sulla violenza negli stadi: servira' a monitorare flussi anomali di scommesse su tutti gli eventi sportivi europei".

Quanto all'ambito extracomunitario, "purtroppo -avverte il ministro- non c'è modo di avere un riscontro immediato per le scommesse fuori dai Paesi Ue su eventi sportivi che si disputano in Italia. Ma la Polizia postale italiana sarà incaricata di monitorare tutti i principali siti di scommesse, per individuare eventuali flussi anomali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog