Cerca

Bologna: la citta' negli Sessanta raccontata in un libro e 140 fotografie

Cronaca

Bologna, 10 giu. - (Adnkronos) - Dall'immagine di Jean-Paul Sartre all'istituto di Psicologia occupato, ad Halfred Hitchcock in visita al museo civico Archeologico, da Lucio Dalla debuttante al Festival di Sanremo con la mamma Iole a Giorgio Morandi nella sua casa di via Fondazza, poco prima di morire, fino a Jimi Hendrix in concerto al Palasport nel 1968. Sono solo alcune delle 140 fotografie in bianco e nero che raccontano 'Bologna e gli anni Sessanta' in un libro edito da Camera Chiara Edizioni. Il volume, che fa parte della collana Archivi Fotografici, e' a cura di Gilberto Veronesi e Luciano Nadalini, Unione Forografi Organizzati e Casa della Forografia, ma si avvale anche del contributo dei giornalisti Michela Suglia e Luca Sancini.

Le immagini raccolte nel libro saranno anche esposte nella sala D'Ercole di Palazzo D'Accursio da domani fino al 30 giugno. In mostra alcune scene della citta' negli anni dei grandi cambiamenti sociali ed economici. Tra i volti ritratti anche quelli di Gianni Morandi e Raffaella Carra', giovanissimi. Accanto a loro le foto delle contestazioni di piazza, del Primo maggio, dei picchett davanti alle fabbriche, delle partite storiche di calcio come il derby vinto 7 a 1 dal Bologna contro il Modena, quando Fulvio Bernardini disse "cosi' si gioca solo in paradiso".

E ancora, i ragazzini bolognesi che giocano sui marciapiedi con le prime figurine Panini, gli incontri di boxe in Sala Borsa, il quartetto Cetra alla Festa dell'Unita', il processo Nigrisoli, l'ultima corsa del tram bolognese, il volto dell'ultimo arrotino in bicicletta e quello dell'ultimo bigliettaio sull'autobus. Infine Enzo Biagi nel 1969 al telefono dietro alla sua scrivania da direttore de 'Il Resto del Carlino'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog