Cerca

Lucca: prostituta uccisa nel 1998 a Marlia, polizia cattura un albanese

Cronaca

Lucca, 10 giu. - (Adnkronos) - Ancora un albanese catturato dalla Polizia per l'omicidio della 'biondina di Marlia', la ragazza albanese uccisa e bruciata nel maggio 1998 in provincia di Lucca perche' aveva osato ribellarsi alla banda che l'aveva costretta a prostituirsi, composta da dieci albanesi dediti allo sfruttamento della prostituzione di giovani connazionali tra Altopascio, Montecatini Terme, Pisa e Sarzana. A finire in carcere e' stato Selaudin Koci detto Sabi, 42 anni, condannato dalla Corte di Assise di Lucca alla pena di 8 anni di reclusione per i reati di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione e distruzione di cadavere, poi divenuti 4 anni e 6 mesi per le riduzioni conseguenti all'indulto.

L'ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica di Lucca era stato riformulato nel marzo del 2008, e la Squadra Mobile della Questura era stata incaricata delle ricerche, estese anche in campo internazionale. Le ricerche, inizialmente negative, sono state nel tempo periodicamente aggiornate dalla Sezione Catturandi della Squadra Mobile. Koci, che fu gia' catturato dalla Squadra Mobile di Lucca il 1 giugno del 1999 a Pisa e sottoposto a fermo di p.g., all'atto della scarcerazione avvenuta il successivo 1 dicembre fuggi' in Albania facendo perdere le proprie tracce; ieri e' stato catturato dalla Polizia di Frontiera marittima di Bari. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog