Cerca

No profit: Fondazione Nord Est, ha affrontato la crisi con successo (7)

Economia

(Adnkronos) - Uscire dal recinto della propria cooperativa. Dall'indagine emerge che solo un terzo (34,4%) dei cooperatori interpellati riveste una carica elettiva all'interno di strutture associative della cooperazione stessa. Meno di un quarto (23,0%) e' presente in altre realta'. Quasi nessuno partecipa a strutture associative di categoria o di rappresentanza (6,4%). Quindi, il non sviluppare reti di relazione con altri ambienti, vicini e non, rischia di costituire un ostacolo iniziale di non poco conto, anche semplicemente in un'ottica di ampliamento e diversificazione dei servizi da offrire sul mercato.

Dare forza al valore del lavorare in cooperativa. Dall'indagine emerge uno scarso interesse dei giovani ai valori della cooperazione sociale, nonostante le prospettive di lavoro siano generalmente positive (tre quarti fra gli occupati hanno un contratto a tempo indeterminato). Ci si scontra con un insieme di questioni legate al valore sociale del lavoro svolto, alla remunerazione, alle condizioni di lavoro, alla manualita', che sono oggetto di riflessione anche per altri settori produttivi oggi poco ambiti, Cio' non di meno, la specificita' del lavorare in una cooperativa sociale deve spingere a una riflessione sul valore di essere occupati in una realta' d'impresa dove i valori dell'inclusione sociale, della centralita' e della promozione dell'individuo costituiscono la colonna vertebrale della sua attivita'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog