Cerca

Porti: manager aziende visitano Gioia Tauro per opportunita' investimenti

Economia

Reggio Calabria, 10 giu. - (Adnkronos) - Il futuro del porto di Gioia Tauro sara' possibile solo se diventera' un polo intermodale e non soltanto un porto di transhipment. E' su questa direttrice che si muove la Regione Calabria che, d'intesa con Assologistica cultura e formazione, ha promosso una visita di una trentina di manager di aziende e multinazionali (120 in tutto quelle contattate) per illustrare i vantaggi di fare business nell'infrastruttura calabrese. La vicepresidente della giunta regionale, Antonella Stasi, ha illustrato i vantaggi che derivano dall'investimento a Gioia Tauro.

Innanzitutto il punto di forza e' ''il collegamento con la terra e la possibilita' di intermodalita' su ferrovia e su gomma, che consente di arrivare in 24 ore nelle citta' del nord Italia e in 48 ore di raggiungere i porti del nord Europa'', ha spiegato. Il porto di Gioia Tauro, ha proseguito la vicepresidente, sarebbe conveniente inoltre per i vantaggi offerti dalla zona franca, finora sottoutilizzata. Su 86 ettari disponibili soltanto 26 sono effettivamente utilizzati, e di questi una buona parte di capannoni sono vuoti a causa degli imprenditori che dopo aver percepito gli aiuti comunitari non hanno proseguito l'attivita'. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog