Cerca

Delitto via Poma: difesa Busco deposita ricorso in Appello, e' ancora battaglia legale/Il punto (5)

Cronaca

(Adnkronos) - Il 10 gennaio 2007, Enrico Mentana, nel corso di una puntata della trasmissione che allora conduceva, 'Matrix', rivela alcune importanti anticipazioni riguardo alle indagini. Il giornalista diffonde, infatti, i nomi delle 31 persone che compaiono nelle varie fasi delle indagini. Tra queste c'e' anche Raniero Busco.

Il giorno dopo la Procura di Roma acquisisce la cassetta contenente la puntata della trasmissione per valutare la posizione delle persone che, con le anticipazioni fatte, hanno reso pubblico l'esito di accertamenti tecnici ancora non completati e dei quali non erano state date informazioni ufficiali agli uffici del pubblico ministero. Due anni dopo, da Piazzale Clodio ecco arrivare la notizia della chiusura dell'inchiesta e il 9 novembre del 2009 Raniero Busco viene rinviato a giudizio.

Il 26 gennaio 2011 Busco viene condannato a 24 anni. Ad accusarlo del delitto di Simonetta Cesaroni ci sono numerosi elementi che forniscono la prova della sua responsabilita', a quanto affermano i giudici della terza Corte d'Assise di Roma presieduta da Evelina Canale nella motivazione della sentenza: "La presenza del dna dell'imputato sul corpetto e sul reggiseno specialmente in corrispondenza del capezzolo sinistro della vittima; l'assenza di dna di altre persone tranne che quello della vittima; la contestualita' tra il morso dato dall'assassino al capezzolo sinistro e l'azione omicidiaria; l'appartenenza a Busco deil'impronta del morso". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog